1-3- PVS Bates e altri metodi

Grazie a Metodi come Bates, PVS, Visual Training ed altri

è possibile avere un miglioramento del visus anche se tutti fin’ora ti hanno detto che è impossibile.

Migliorando la tua vista migliori anche la tua vita!

Pensa a quanto si sta meglio senza occhiali o con occhiali meno spessi; basta con mal di testa dovuti agli occhiali o fastidi dovuti a lenti portate tutto il giorno! Potrai finalmente assaporare la libertà e la possibilità di decidere SE, QUANDO e QUANTO usare i tuoi occhiali. Migliorerai anche la tua postura e la tua percezione dello spazio.


Con la rieducazione si andranno a stimolare e migliorare
le seguenti qualità visive:

> mobilità velocità e coordinazione binoculare
centralizzazione sulla retina (= maggiore nitidezza, colori più vividi)
accomodazione (messa a fuoco vicino e lontano)
> reattività pupillare
lubrificazione

coordinazione mano-occhio
> l’attività celebrale adibita alla vista
la parte psicologica che influisce sul sistema nervoso che a sua volta
influisce sul corpo e quindi anche sugli occhi
l’attività motoria che comprende anche l’orientamento nello spazio
— (x i sistemi visivi: otticocinetico, vestibolare, saccadico, d’inseguimento).


Per iniziare non serve altro che la tua volontà,
la tua motivazione e l’amore per te stesso o chi ti circonda;
potrai aiutare anche chi ami se ha un difetto come
miopia, ipermetropia, presbiopia o astigmatismo.


Come ho già fatto presente in altre pagine di questo sito, l’essere umano con vista imperfetta è molto più che una macchina difettosa; purtroppo invece, con la vecchia concezione dell’occhio miope, siamo considerati anche MENO di una macchina!

Pensate allo zoom ottico di una macchina fotografica moderna, esso mette a fuoco automaticamente, come fa un occhio normale. Se questo zoom automatico si rompe e non mette più bene a fuoco a distanza (miopia) lo andiamo ad aggiustare (nel causo umano si fa una riabilitazione per ripristinare le funzioni perdute-danneggiate)… non mettiamo di certo una nuova lente davanti (equivalente agli occhiali nel caso dell’essere umano)! Nè si va a limare la struttura (chirurgia laser), al massimo si sostituisce il meccanismo (ma attualmente non è possibile fare una sostituzione dei bulbi oculari).

Quindi, se anche per una macchina il concetto di mettere una lente di supporto è assurdo, figuriamoci per una messa a fuoco fisiologica come quella umana.


Il sistema visivo è un sistema dinamico di interazioni, è flessibile, allenabile ed adattabile.

Bates, PVS e gli altri metodi non fanno altro che riabilitare questo sistema un po’ incriccato.

 

Bates

William-Horatio-Bates-aBates è il padre della rieducazione visiva, fu il primo ad accorgersi che nei dogmi scientifici riguardo la miopia c’erano troppe discrepanze con la realtà dei fatti; decise di indagare e di non fare finta di nulla di fronte a queste miriadi di casi fuori dalle regole (si trattava di variazioni di visus riscontrabili in moltissimi soggetti).  Scoprì la dannosità degli occhiali, e la relazione fra vista, stress e tensioni mentali. Libro economico qui.

Bates iniziò le sue pratiche ed esperimenti i primi del ’900, ma non essendo un metodo standardizzabile e non dimostrabile con il solito metodo scientifico, fu radiato dall’ordine dei medici.

Al giorno d’oggi, però, gli educatori visivi, anche appartenenti alla scienza ufficiale, sfruttano non poche nozioni di Bates. Alcuni lo considerano un semplice approccio di visual training optometrico, nato anch’esso i primi del ’900.

Bates però è un po’ più profondo, meno tecnico e più incentrato sui problemi psicologici ed emotivi della persona che si presta alle pratiche di rieducazione.

Si tratta di un vero e proprio stile di vita
creato per ottenere una vista migliore.

E’ un metodo di difficile applicazione in quest’era moderna dove la vista è sfruttata moltissimo (PC, libri, TV ecc…). Infatti con Bates è necessario togliere gli occhiali ed eseguire certe pratiche per dare modo agli occhi di tornare alle loro funzioni naturali.

Togliere gli occhiali è difficile per diverse persone che vivono la vita media di oggi: prendere treni, guidare, essere vigili al lavoro e frenetici come la società moderna ci vuole.

Esercizi Bates più famosi

palming
sunning
oscillazioni
dondolii
delineamento
blinkin
lettura micro caratteri
immaginazione
memoria

 

Power Vision System

david-de-angelis

PVS è stato ideato da David e Angelis, si potrebbe vedere come una evoluzione del metodo Bates, in quanto sfrutta delle pratiche di allenamento fisico (rotazioni degli occhi ed esercizi di riequilibrio della fusione binoculare) e degli occhiali allenanti tramite il cosiddetto defocus retinico. Cioè si va a sfuocare leggermente l’immagine per stimolare la messa a fuoco fisiologica, cosa che non è possibile fare con una correzione completa che fa vedere nitido fino all’infinito. Libro scontato qui.

PVS è più facilmente adattabile alla vita moderna perchè non richiede di stare 24 ore su 24 senza occhiali, anzi spiega che tipo di occhiali usare e in quali circostanze. Così che chiunque possa applicare la rieducazione visiva.

esercizi PVS (vedi i video):

8 posizioni statiche
rotazioni ad occhi aperti
rotazioni del capo fissando un punto
rotazioni ad occhi chiusi
defocus retinico: passivo (sottocorrezioni) ed attivo (CRB, RB).

 

 

Visual Training Optometrico

visual-training-aFonte 1: Il Visual-Training è una tecnica di educazione visiva che migliora problemi visivi funzionali e riduce o elimina i loro effetti negativi. Il Visual-Training fa parte dell’optometria, una scienza che si occupa della visione. L’optometria comprende diversi indirizzi: l’optometria di prevenzione, l’optometria dello sviluppo, l’optometria funzionale e l’optometria comportamentale, e viene insegnata da 90 anni in 25 università dell’USA e del Canada. Anche in diversi paesi europei come anche in Italia si insegna l’optometria a livello universitario e sempre più specialisti ne applicano i criteri diagnostici e migliorativi.

Cosa fa l’optometria?

La visione è un processo funzionale che si sviluppa a partire dalla nascita. Il compito dell’optometria consiste nel scoprire, attraverso diversi test, eventuali problemi visivi conseguenti a fattori funzionali. Ogni processo d’apprendimento, come è la visione, può essere disturbato da fattori ambientali o da problemi d’apprendimento. L’importanza di un analisi visiva diventa evidente sapendo che l’ 80% delle informazioni che l’uomo apprende sono di origine visiva. (A. Gesell Ph. Dr., Med. Dr.*). 

visual-training2-aFonte 2: Il Visual Training è una ginnastica oculare dolce, specifica, che aiuta a mantenere una postura corretta, a leggere meglio, più velocemente, senza stancarsi e senza creare tensioni ai muscoli della testa, del collo, delle spalle e della schiena in generale; in particolare serve a migliorare le abilità visive supersollecitate nello studio e nel lavoro.

In poche settimane di lavoro in studio e a casa, si possono ottenere notevoli miglioramenti, ed è particolarmente efficace nella Riprogrammazione posturale globale.

Spesso i problemi legati al sistema visivo possono causare disturbi quali cefalee, vertigini, dolori cervicali, mal di schiena e scoliosi.

L’insufficienza di convergenza, ritardo di convergenza, asimmetria di convergenza e i deficit della visione binoculare oltre che ad occhiali o lenti errati, alterando la postura nella lettura o nel lavoro possono causare uno squilibrio dei muscoli della testa e delle spalle con conseguenti bascule e torsioni che col tempo possono causare mal di testa oftalmico, alterazioni posturali e problemi cervicali e alla schiena.

Lo squilibrio posturale sarà tanto maggiore, quanto più il deficit di convergenza sarà severo e a carico di un solo occhio.
-


Unione dei metodi

Ogni metodo ha la sua efficacia.

L’unione di vari metodi o pratiche può dare risultati maggiori.

Questo perché siamo tutti molto diversi e solo provando diverse tecniche si può trovare quella più adatta alle proprie esigenze e alla propria risposta fisiologica.

Quando ho iniziato la mia riabilitazione, Bates mi piaceva molto ma non potevo stare ad occhio nudo tutto il tempo con -11 di miopia e vivere in modo normale; dovevo guidare, andare all’università (accademia di belle arti per giunta, dove la vista era molto importante), leggere…

Così ho unito le pratiche Bates alle sottocorrezioni e gli esercizi di PVSSuccessivamente ho implementato anche altre tecniche o metodologie, come la fusione in divergenza e convergenza con immagini stereoscopiche, esercizi molto usati in ortottica e nel visual training, e l’efficacissima cromoterapia di Wolfgang Hätscher-Rosenbauer (libro sulla cromoterapia qui).

Ho unito anche pratiche energetiche come EFT, il sistema corpo specchio di Martin Brofman (libro) e la legge dell’attrazione della fisica quantistica (per quanto assurdo ti possa sembrare è tutto scientificamente dimostrato nella moderna fisica quantistica. Libri consigliati a riguardo qui e qui).

Qualsiasi metodo o pratica può essere utile ed integrato con altri. Provandoli si troveranno i propri preferiti e i più efficaci per sé.

 Anche io ho bisogno di sostegno. Se trovi utili le mie condivisioni e ti va di aiutarmi a continuare a tenere il sito sempre aggiornato, puoi fare una donazione tramite PayPal QUI o QUI oppure puoi fare un bonifico a questo numero IBAN:
IT 06G0 76011 2200 0010 2168 5613
Causale: “sostengo il sito di Arianna Piva con una donazione”
Grazie

Lascia un Commento