TESTIMONIANZA DI SILVIA G. CON UN GRAFICO FATTO DA LEI – GRAZIE

Oggi voglio condividere un bellissimo grafico Steso da Silvia G., una ragazza iscritta al gruppo di Rieducazione Visiva su Facebook. Per chi è iscritto può leggere la discussione qui, commentata in modo costruttivo anche da un optometrista.

Sicuramente “una rondine non fa primavera” come scrive qualcuno nei commenti, ma ogni esperienza e testimonianza è molto preziosa. Per me se c’è una rondine, la primavera sta arrivando e fra non molto arriveranno anche altre rondini.

grafico-peggioramenti-Silvia-Guarino3

Silvia Testimonia che LAC (lenti a contatto) e sottocorrezioni l’hanno aiutata a smettere di peggiorare in modo progressivo. Il lavoro al PC è sicuramente uno stimolo molto miopizzante e fare tante ore senza igiene visiva è una condanna per gli occhi… Ma è possibile fermare i peggioramenti anche in condizioni sfavorevoli.

La stessa identica storia che è capitata a me negli anni di crescita. L’unico anno che non peggiorai con la miopia durante lo sviluppo fu dagli 11 ai 12 in cui usai le lenti a contatto, quando invece rimisi gli occhiali tornai a peggiorare ancora progressivamente, poi di nuovo quando tornai alle lac a 14 anni smisi di peggiorare per 10 anni fino a quando non iniziai a rimanere al PC 8 ore al giorno, allora persi ancora visus.
E finalmente iniziando la rieducazione visiva, recuperai quasi subito l’ultima diottria persa e poi nei 3 anni successivi iniziai a regredire a miopie sempre più basse come non ne avevo memoria fin dalle medie.

E’ da chiarire che le sottocorrezioni non funzionano su tutti, specialmente se la persona le usa in modo inconsapevole, ovvero senza sapere esattamente perché e senza conoscere e praticare un minimo di igiene visiva. La sottocorrezione da sola non può fare miracoli, ma può essere di grande aiuto se abbinata all’igiene visiva e alla rieducazione visiva.
Anche l’utilizzo di lac e lac sottocorrette ho visto spesso essere di grande impatto positivo sui peggioramenti dei miopi progressivi come lo sono stata io.

Chi ha difetti leggeri invece è meglio se toglie gli occhiali quando fa lavori ravvicinati (lettura, studio, e PC, ecc…). A chi dà problemi di mal di testa o affaticamento stare senza occhiali, si tratta di impietrimento dovuto all’uso eccessivo degli occhiali e che si risolve facilmente iniziando l’igiene visiva. Consiglio anche questo video per ritrovare e mantenere la scioltezza di accomodazione e convergenza.

Purtroppo esistono studi che indicano che la sottocorrezione non è utile per fermare i peggioramenti e in certi casi sono anche peggiori della correzione piena, ma questi studi non hanno preso in considerazione le sottocorrezioni abbinate alla rieducazione come invece cerchiamo di fare noi. Sono convinta che se fin da bambina avessi usato sottocorrezioni, avessi fatto almeno l’igiene visiva e magari la rieducazione visiva, avrei per lo meno diminuito la progressione miopica. Non posso avere la certezza che non sarei più peggiorata, ma credo non sarei mai arrivata a -11 diottrie, magari mi sarei stabilizzata su -5 o -7 al massimo e una volta iniziata la rieducazione da adulta avrei potuto avere miglioramenti ancora migliori di quelli che ho raggiunto partendo da -11.

Il mio appello è per tutti coloro che ancora non conoscono la rieducazione, specialmente per coloro che peggiorano sempre o comunque sembra non arrestarsi anche se si perde solo 0.25 ogni tanto: informatevi per come rallentare e fermare questi peggioramenti perché è possibile e può salvarvi letteralmente gli occhi e la vista. Nel suo libro l’oculista giapponese Nakagawa spiega la pericolosità dei difetti visivi, come precursori di molte patologie gravi nell’età adulta e anzianità.

Prima iniziamo a prenderci cura dei nostri occhi e più aumentano le probabilità di mantenere una vista sana e una salute migliore dei nostri occhi negli anni.

Iniziate ad esplorare il mio sito e buona rieducazione  a tutti! O partecipa al prossimo seminario

Arianna Piva

Anche io ho bisogno di sostegno. Se trovi utili le mie condivisioni e ti va di aiutarmi a continuare a tenere il sito sempre aggiornato, puoi fare una donazione tramite PayPal QUI oppure puoi fare un bonifico a questo numero IBAN:
IT 06G0 76011 2200 0010 2168 5613
Causale: “sostengo il sito di Arianna Piva con una donazione”

Grazie

Bookmark the permalink.

Lascia un Commento